Relazione delle Attività della “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” – Anno 2021

0
1094

Attività della “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” – Anno 2021

Attività 2021 – Fondazione Circolo Fratelli Rosselli PDF 

“Le attività sono realizzate grazie al contributo concesso dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della cultura”

 

 

Giovedì 14 gennaio 2021, dalle ore 17 alle ore 19

Meeting ZOOM

Presentazione di: “1921. Resoconto di una scissione” (Gli Atti del Congresso del Psi di Livorno) a cura di Pierluigi Regoli

con scritti introduttivi di Andrea Catena, Graziella Falconi, Valdo Spini, Nicola Zingaretti

Ne hanno discusso:

Carlo Galli, Presidente Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e Professore dell’Alma Mater Università di Bologna

Valdo Spini, Presidente Fondazione Circolo Rosselli Sono invitati gli autori.

Video: https://www.youtube.com/watch?v=nWN_6d6yqeU&t=80s

 

Martedì 26 gennaio, ore 9,30

La Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA 2021, ha organizzato l’iniziativa TERRE D’ESILIO – TERRE DI CONFINO insieme al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, l’Associazione ANED deportati nei campi nazisti e la Fondazione CDSE.

Dopo i saluti istituzionali di

Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi Silvia Rusich, vice presidente ANED sez. Firenze Enrico Fink, presidente Comunità ebraica di Firenze

È stato trattato il tema: TERRE D’ESILIO – TERRE DI CONFINO Introdotto da Claudio Di Benedetto

Interventi di:

Alessia Cecconi: “Dal lungo esilio in quale siamo invecchiati”. Appunti sul concetto dell’esilio in pittura tra Rinascimento e Risorgimento.

Riccardo Bruscagli: Dante exul immeritus: la violenza della legge.

Alessia Cecconi: Artisti in fuga dopo le leggi razziali: alcuni spunti e qualche esempio. Valdo Spini: Amelia Rosselli Pincherle. Dopo l’uccisione dei figli: dieci anni di esilio. https://www.uffizi.it/eventi/giornata-memoria2021

 

https://www.facebook.com/uffizigalleries/ Video: https://fb.watch/3IX3F3yIaT/

 

Martedì 26 Gennaio 2021 ore 17

 

Webinar Scissione senza futuropromosso ed organizzato dal Circolo “G. E. Modigliani” e dalla “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” con la compartecipazione del Comune di Livorno – Conversazione sul libro curato da Pierluigi Regoli 1921. Resoconto di una scissione

 

Com’è andata la scissione di Livorno? Cosa si son detti e come se lo sono detto, in quei drammatici giorni, gli esponenti delle varie frazioni? Il Resoconto Stenografico del XVII Congresso del Partito Socialista Italiano ci offre il racconto ‘vivo’ di quel passaggio storico: non solo gli interventi, compresi i saluti delle delegazioni straniere, ma anche le interruzioni, i battibecchi, le scazzottate e le risse sedate a stento. Sul palco si alternano i massimalisti di Serrati a Turati, passando per Terracini, Bordiga, al giovanissimo Ignazio Silone, perfino Bombacci che tira anche fuori una pistola. Il testo è introdotto dagli interventi di Andrea Catena, Graziella Falconi, Valdo Spini, Nicola Zingaretti.

 

LA SITUAZIONE SOCIALE DEL PAESE

Quattro incontri sul Rapporto 2020 del Censis a cura della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e del Censis

 

LA SITUAZIONE SOCIALE DEL PAESE

Quattro incontri sul Rapporto 2020 del Censis a cura della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e del Censis

ORE: 17.00 – 18.30

 

 

28 gennaio 2021 ore 17.00 Webinar

La ruota quadrata che non gira. L’impatto dell’epidemia sulla società italiana. Il re è nudo: l’avvitamento di vulnerabilità strutturali (sanità, scuola, lavoro).

Valdo Spini (presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli), Emanuele Vannucci (economista, Università di Pisa), Massimiliano Valerii (direttore generale Censis)

modera: Claudio Paravati (direttore rivista e centro studi Confronti) Video: https://www.youtube.com/watch?v=-dqlLXZV1F0&t=297s

 

 

LA SITUAZIONE SOCIALE DEL PAESE

Quattro incontri sul Rapporto 2020 del Censis a cura della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e del Censis

ORE: 17.00 – 18.30

4 febbraio 2021 ore 17.00 Webinar

Meglio sudditi che morti. Le reazioni degli italiani nell’anno della paura nera: tensioni securitarie e adattamento; i garantiti e i non garantiti.

Giorgia Giovannetti (economista, Università di Firenze), Francesco Maietta (responsabile Area Politiche sociali Censis),

Gianni Massa, (ingegnere, vice presidente Consiglio Nazionale Ingegneri), Michael Musetti (coordinatore Under35 AICI),

Sergio Paparo (componente dell’Organismo Congressuale Forense), Giulia Piccioni (segretaria nazionale de I Pettirossi)

modera: Claudio Paravati (direttore rivista e centro studi Confronti) Video: https://www.youtube.com/watch?v=ny-n81O1B0U&t=273s

 

 

LA SITUAZIONE SOCIALE DEL PAESE

Quattro incontri sul Rapporto 2020 del Censis a cura della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e del Censis

ORE: 17.00 – 18.30

11 febbraio 2021 ore 17.00 Webinar

Nell’anno della bonus economy. Le misure di ristoro e le loro conseguenze; le pubbliche amministrazioni; il mercato immobiliare e la crisi delle aree centrali delle città.

Valdo Spini (Presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli) Marco Baldi (responsabile Area Economia e Territorio Censis),

Antonella Di Bartolo (“preside di strada”, Istituto Sperone-Pertini di Palermo),

Federico Gelli (Coordinatore dell’Unità Sanitaria di Crisi della AUSL Toscana Centro per l’emergenza pandemica da SARS-COV-2),

Stefano Grassi (avvocato, costituzionalista, Università di Firenze), Mariella Zoppi (Professore Emerito, Università di Firenze) modera: Claudio Paravati (direttore rivista e centro studi Confronti)

Video: https://www.youtube.com/watch?v=ZWQk1HLOcqA&t=104s

 

 

LA SITUAZIONE SOCIALE DEL PAESE

Quattro incontri sul Rapporto 2020 del Censis a cura della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e del Censis

ORE: 17.00 – 18.30

 

18 febbraio 2021 ore 17.00

Quello che resterà dopo lo stato d’eccezione. Che cosa aspettarsi nel nuovo anno? Vitalità e resilienza nella società italiana.

Giuseppe De Rita (Presidente Censis), Paolo Baratta (economista),

Roberto Castaldi (Direttore Cesue ed EURACTIV Italia), Salvatore Rossi (presidente Telecom Italia),

Lucilla Spini (Bio- antropologa, IUBS Working Group on Gender Equality), Andrea Puccetti (imprenditore, Fondazione Circolo Fratelli Rosselli) modera: Valdo Spini (presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un video per Amelia

 

L’Otto marzo per ricordare la prima donna drammaturgo dell’Italia unita

 

È stato preparato un video documentario su Amelia Pincherle, madre dei fratelli Rosselli. Il video comprende la lettura di testi tratti da articoli di Amelia pubblicati sulla rivista “Il Marzocco” negli anni compresi tra il 1904 e il 1913. Trattano dell’importanza del lavoro per le donne e dell’idea che le donne devono ottenere pari diritti per pari doveri, quindi in piena sintonia con i valori, ancora oggi, della Giornata internazionale della donna. È stato osservato che quello della “parità di salario per parità di lavoro” è stato “fino alla vecchiaia uno dei temi cardine

dell’attività politico-culturale di Amelia“. Il video comprende l’intervento di Valdo Spini, presidente della Fondazione Circolo Rosselli.

 

Con la formula della lettura a quattro voci femminili, ideato e montato da Gaetano Pacchi, il video è realizzato dalla Compagnia Teatrale “Attori & Convenuti”, in collaborazione con l’Associazione Culturale “Arte e Arti” e la Fondazione Circolo Rosselli.

 

Il video sarà presentato dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro l’8 marzo e potrà essere visto sul sito della Fondazione Circolo Rosselli, www.rosselli.org. Poi anche su: Fondazione Studi, sul profilo Facebook “Attori Convenuti”, sulla pagina Facebook “Attori & Convenuti – Compagnia Teatrale” e sulla pagina YouTube di “Arte e Arti”.

 

Video: https://www.youtube.com/watch?v=u4ufHATV1ks&t=4s

 

https://rosselli.org/un-video-per-amelia/

 

 

 

http://www.artearti.net/magazine/articolo/leducazione-della-coscienza-per-celebrare- lotto-marzo/

https://www.facebook.com/100012173352094/videos/1241032819645818/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Fondazione Circolo Rosselli in onda sulla Rai – Martedì 23 marzo 2021 alle 10,50 su Rai 3 i trent’anni della Fondazione

La Fondazione circolo Rosselli, nel trentennale della sua Fondazione ha fatto domanda per essere ammessa alla Tribuna dell’Accesso, riservata alle istanze della società civile. La domanda è stata accettata e la trasmissione registrata presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma che ringraziamo per la gentile ospitalità. Sono intervenuti, la dottoressa Paola Passarelli, direttore generale delle Biblioteche del Ministero della Cultura e il dottor Andrea De Pasquale, direttore della Biblioteca Nazionale di Roma che hanno fatto gli onori di casa. Per la Fondazione Circolo Rosselli hanno partecipato: il presidente Valdo Spini, il professor Vito Zagarrìo, i giovani Giulia Piccioni e Fabio Perrone. La trasmissione è stata curata per la Rai  dalla dottoressa Marina Giraldi.

L’occasione è stata propizia per sottolineare l’importanza del filone rosselliano nella cultura italiana.

Spaziolibero – Fondazione Circolo Rosselli in onda sulla Raihttp://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-0c48d61b-3a03-44ed-9483-452faab1a189.html?fbclid=IwAR1CWcMZ6VF8WKdqOclmdkf-Jyo4AinC50S43b7mdY16pKiIDeKlyPOgS1Y

 

 

Giovedì 22 aprile 2021, dalle ore 17.30 alle ore 19

 

Meeting ZOOM

 

 

Presentazione del Quaderno del Circolo Rosselli n.1/2021, dedicato al Centenario del Circolo di Cultura in occasione della ricorrenza della Liberazione

 

“Intellettuali e politica negli anni dell’avvento del fascismo”

(a cura di Massimo Tarassi)

 

Interverranno:

 

Giovanni Belardelli (Università di Perugia)

 

Marco Bresciani (Università di Firenze)

 

Patrizia Dogliani (Università di Bologna)

 

Presiede Valdo Spini, Presidente della Fondazione Circolo Rosselli

 

Video: https://www.youtube.com/watch?v=iuWlkpDRnPA

 

 

 

25 aprile 2021

Domenica 25 aprile, su La Repubblica della Toscana, in occasione della celebrazione della festa della Liberazione, è stato pubblicato l’articolo “Attualità del socialismo liberale” con la presentazione del Quaderno del Circolo Rosselli n. 1-2021 Intellettuali e politica negli anni dell’avvento del fascismo. In occasione del centenario della costituzione del Circolo di Cultura (Firenze 1920-1924) a cura di Massimo Tarassi.

 

 

La Festa della Liberazione – il 25 aprile 2021 dalle riviste e gli istituti culturali italiani – Contributo del Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, Valdo Spini

 

In occasione della Festa della Liberazione 2021 il Coordinamento delle Riviste Italiane di Cultura insieme all’Associazione degli Istituti di Cultura Italiani ha realizzato un video di auguri che ripercorre brevemente la storia e l’impegno delle riviste a favore dei valori dell’antifascismo. Diacritica, Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, Iriad Review, Coscienza e Libertà, Il Cristallo, Africa e Mediterraneo, l’Istituto Nazionale Ferruccio Parri, Historia Magistra, l’Archivio Audiovisivo del Movimento operaio e democratico, Testimonianze, L’uomo L’Italia L’Ambiente, L’Istituto Luigi Sturzo, Patria Indipendente dell’ANPI, La Fondazione Nuto Revelli, la Fondazione Ragghianti, Pedagogika.

https://www.youtube.com/watch?v=LlDT9km9TWI

 

 

4 maggio 2021

 

(ore 15:00 – 17:30)

Webinar

GIUSTIZIA 2030 RAGIONANDO SU UNA PROPOSTA

 

Giustizia 2030 è una proposta di cambiamento e di visione della giustizia e del suo futuro elaborata da un gruppo multidisciplinare proveniente da diverse esperienze, da diverse località e con diverse professionalità.

La giustizia può divenire da zavorra a grande opportunità e leva per la rinascita del Paese. Con questa convinzione un gruppo di 60 esperti (magistrati, avvocati, professori universitari, dirigenti, esperti di organizzazione, esperti comunicazione, tecnici) hanno lavorato insieme durante la pandemia per ragionare su quali potessero essere le prospettive future da mettere in campo per la giustizia in un’ottica post Covid, con l’idea che la tragedia che stavamo e stiamo attraversando sia un’occasione irripetibile per imporre una radicale accelerazione alla modernizzazione della giustizia.

Gli obiettivi individuati e declinati in interventi sono ambiziosi: una giustizia più connessa, integrata, meglio organizzata e innovativa, più vicina semplice e sostenibile.

I pilastri che a livello generale orientano la proposta del libro bianco possono essere riassunti in quattro grandi scelte: la digitalizzazione come progetto e non come mera tecnica, la creazione di poli territoriali con spazi di autonomia decisionale e forte responsabilizzazione come arricchimento ed avvicinamento al territorio della governance della giustizia, un rito telematico unitario flessibile, la valorizzazione del capitale umano esistente.

Un contributo che può essere una base di partenza per discutere quale giustizia vorremmo ricostruire quando la pandemia finirà, utilizzando anche gli investimenti resi possibili dal Next generation UE.

 

Ore 14:45 COLLEGAMENTO ALL’AUDITORIUM VIRTUALE

 

Ore 15:00 APERTURA DEI LAVORI

 

Presiede e coordina

Avv. Sergio Paparo, Presidente di Associazione InsieMe

 

Ne discutono

Dott. Claudio Castelli – Presidente della Corte d’Appello di Brescia

Dott. Marilena Rizzo – Presidente del Tribunale di Firenze

Prof. On.le Valdo Spini – Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli Dott. Giovanni Xilo – Esperto di organizzazione e digitalizzazione servizi pubblici

 

Ore 17:30 CHIUSURA DEI LAVORI

 

Video: https://www.youtube.com/watch?v=fl79a4-e6gc&t=42s

 

 

 

 

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE DELL’UNIVERSITÀ DI FIRENZE E ASSOCIAZIONE PER GLI STUDI E LE RICERCHE PARLAMENTARI

In occasione della presentazione del Quaderno QCR n. 3/2020

“PAOLO BARILE A VENT’ANNI DALLA SCOMPARSA”

IN MEMORIA DI STEFANO MERLINI

 

A conclusione del Seminario  di Studi e Ricerche Parlamentari 2021

 

Lunedì 17 maggio 2021, ore 9.30 – 12

Piattaforma Webex. Link: https://rb.gy/11toow

 

Saluti del Rettore dell’Università degli Studi di Firenze, Luigi DEI

 

Intervengono

Valdo SPINI, Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli,

Andrea SIMONCINI, Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche UNIFI

Marco CANNONE, autore del saggio “Paolo Barile. Il giurista delle libertà”

 

Introduzione di Paolo CARETTI, Segretario generale dell’Associazione per gli studi e le ricerche parlamentari

 

L’eredità di Paolo BARILE. Intervengono:

Enzo CHELI, Roberto ZACCARIA, Stefano GRASSI, Maria Cristina GRISOLIA, Elisabetta CATELANI, Ugo DE SIERVO.

Coordina Giorgio GIOVANNETTI, Presidente Associazione Alumni Seminario “Silvano Tosi”

 

Segreteria scientifica

ed organizzativa

Leonardo BIANCHI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercoledì 9 giugno 2021, dalle ore 16.30 alle ore 19

 

Meeting ZOOM

 

84esimo anniversario dall’ uccisione fratelli Rosselli

Tavola rotonda

“Socialismo Liberale oggi”

 

Introduzione di:

Valdo Spini, Presidente della Fondazione Circolo Rosselli

Interventi di:

Paolo Baratta, Pubblico e privato

Elena Granaglia, Socialismo liberale e giustizia sociale

Gianfranco Pasquino, Potere degli elettori e rappresentanza politica: da Bobbio a Sartori

Domenico Siniscalco, Il Pnrr dei cittadini

Lucilla Spini, Ambiente e Salute: vecchie e nuove dimensioni

Stefano Toso, La via italiana al reddito minimo

Nadia Urbinati, Il Socialismo liberale non appartiene al passato

 

Hanno aderito all’iniziativa:

Associazione Agorà del Brenta, Circolo Riccardo Lombardi di Ancona, Circolo Giustizia e Libertà di Roma, Circolo Anpi “Carlo Rosselli” di Siena, Fondazione Salvemini di Torino Circolo Rosselli del Veneto, Circolo Carlo Rosselli di Milano, Circolo Fratelli Rosselli di Roma, Associazione Fratelli Rosselli di Stoccolma, Fondazione Critica Liberale, Circolo Rosselli RisorgiMenti di Cagliari, Circolo Fratelli Rosselli Valdisieve, Circolo “G. E. Modigliani” di Livorno, Circolo Culturale Fratelli Rosselli Verona, Circolo Carlo Rosselli di Cava dei Tirreni.

 

Video: https://www.youtube.com/watch?v=bfLgiVuzwT8

 

 

 

10 giugno 2021

 

 

VIDEO Valdo Spini ricorda Matteotti. Nell’anniversario del suo assassinio: https://www.youtube.com/watch?v=Vtagi6FP5cs

 

16 giugno 2021

 

 “Paolo Barile, il giurista delle libertà”

Giuliano Amato e Valdo Spini discutono del Quaderno del Circolo Rosselli n. 3-2020 “Paolo Barile, il giurista delle libertà”.

Modera Guido Melis

Società per gli studi di storia delle istituzioni. “Le Carte e la Storia”

https://rosselli.org/16-giugno-paolo-barile-il-giurista…/

https://www.youtube.com/watch?v=Dz_RacoEP_Y

 

 

 

18 giugno 2021

 

Venerdì 18 giugno, ore 18, presso Le Murate Caffè Letterario, piazza delle Murate, 50122, Firenze, Presentazione del libro di Federico Bini “Un passo dietro Craxi” (edizioni We),

modera l’incontro Valerio Barghini, Giornalista de “Il Giornale”

Partecipano:

On. Valdo Spini, Già ministro e parlamentare, Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli

Prof. Zeffiro Ciuffoletti, Prof di Storia Unifi e Presidente ISFE Istituzione di studi Firenze per l’Europa

On. Guglielmo Picchi, Parlamentare, già sottosegretario di Stato del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale

Agnese Pini, Direttrice de “La Nazione”

Prof. Paolo Razzuoli, Politologo

Dott. Giulio Talini, Dottorando in Storia Globale Università degli Studi di Napoli Federico II

Andrea Puccetti, Membro della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli

Prof. Marco Vitale, Economista d’impresa

 

 

 

 

 

 

 

28 giugno 2021

 

2 Giugno: Storia di un Referendum
Presentazione del Libro
di FEDERICO FORNARO
Intervengono con l’Autore:
SIMONE BARTOLI
Segretario Articolo UNO Toscana
CATIA SONETTI
Direttore ISTORECO Livorno
VALDO SPINI
Direttore Fondazione Circolo Rosselli
Modera: PAOLA PELLEGRINI
Segreteria Articolo UNO Toscana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

26 luglio 2021

 

Il 26 luglio, alle ore 22, in occasione del Ventotene Film Festival, presso i Giardini Archeologici di Ventotene, proiezione del film “Il giovane Pertini – combattente per la libertà.”

Tra gli attori del film ci sono

Dominique Sanda, Gabriele Greco, Cesare Bocci, Massimo Dapporto. Recitano anche Valdo Spini e Stefano Caretti. La proiezione è in memoria del regista Giambattista Assanti recentemente e dolorosamente scomparso.

Il film è introdotto da Silvia Costa (Commissario straordinario del Governo per il Progetto di Recupero e Valorizzazione dell’ex Carcere Borbonico dell’Isola di Santo Stefano-Ventotene) e Valdo Spini (Presidente AICI, Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli). In un incontro moderato da Paolo Cutolo (direttore della Biblioteca Comunale di Ventotene Mario Maovaz)

 

 

27 luglio 2021

 

Il 27 luglio, alle ore 21.30 in occasione del Ventotene Film Festival, presso i Giardini Archeologici di Ventotene, Tavola Rotonda “1941 – 2021: L’EUROPA DAL MANIFESTO DI VENTOTENE A NEXT GENERATION EU”

Saluto dell’On. Silvia Costa (Commissario Straordinario del Governo per gli interventi di restauro e valorizzazione dell’ex carcere borbonico dell’isola di Santo Stefano a Ventotene)

Presiede e introduce: Valdo Spini (Presidente dell’Associazione delle istituzioni di cultura italiane – AICI; Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli)

Interventi di:

Luisa Simonutti (Dirigente di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche – ISPF, Milano)

Loredana Teodorescu (Responsabile affari europei e internazionali dell’Istituto Luigi Sturzo)

Paolo Terranova (Segretario generale della Fondazione Giuseppe Di Vittorio)

 

20 settembre 2021

 

Lunedì 20 settembre 2021,

ore 16.30 – 19.30, presso il Conventino Caffè Letterario

la “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” in collaborazione con il Censis, ha programmato lo svolgimento della Tavola Rotonda

“L’Italia del Pnrr.

Tra meccanismi spontanei e piani di sviluppo”

Interventi di:

Giuseppe De Rita, Presidente Censis

Monica Pratesi, ordinario di Statistica dell’Università di Pisa e Consigliere Istat

Emanuele Vannucci, Ricercatore Università di Pisa

Valdo Spini, Presidente “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli”

 

4 ottobre 2021

 

Il 4 ottobre, dalle ore 9.30 a Siena presso l’Aula Magna Giurisprudenza, Via Mattioli 10 (porta Tufi), l’Università di Siena in collaborazione con la “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” presenta il Quaderno del Circolo Rosselli n. 3/2020, Paolo Barile a vent’anni dalla scomparsa, Pacini Editore, Pisa.

Ore 9.30 – 13.30

Saluti inaugurali

Francesco Frati Rettore Università di Siena

Stefano Pagliantini Direttore Dipartimento Giurisprudenza, Università di Siena

Paola e Laura Barile

PRIMA SESSIONE

Dalla lotta partigiana alla Costituzione

Presiede: Enzo Cheli

Valdo Spini, Fondazione Circolo Fratelli Rosselli Presentazione del Quaderno del Circolo Rosselli n.3/2020

Floriana Colao, Università di Siena Paolo Barile all’Università di Siena

Giovanna Giorgetti, Circolo ANPI di Ateneo “Carlo Rosselli” Paolo Barile, Partigiano e attivista

Elena Bindi, Università di Siena Paolo Barile e l’Assemblea costituente

Andrea Pisaneschi, Università di Siena La precettività della Costituzione nell’opera di Paolo Barile

SECONDA SESSIONE

L’attuazione della Costituzione

Presiede: Stefano Grassi

Valeria Piergigli, Università di Siena Paolo Barile e i diritti

Michela Manetti, Università di SienaPaolo Barile e la libertà di manifestazione del pensiero e di informazione

Tania Groppi, Università di Siena Paolo Barile e la Corte costituzionale

Mario Perini, Università di Siena Paolo Barile e il Presidente della Repubblica

Roberto Borrello, Università di Siena Paolo Barile e l’indirizzo politico

 

 

 

 

14-18 ottobre 2021

 

Dal 14 al 18 ottobre 2021, in occasione della 33esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, sono presenti i “Quaderni del Circolo Rosselli” allo Stand della Pacini Editore (T21 Padiglione Oval TORINO Lingotto Fiere Via Nizza, 294)

In esposizione i seguenti fascicoli dei Quaderni:

Anno XLI, fascicolo 143, n. 3/2021, Socialismo Liberale oggi.

Anno XLI, fascicolo 142, n. 2/2021, Prima e dopo la pandemia. Quattro Webinar Censis-Rosselli. A cura di Claudio Paravati

Anno XLI, fascicolo 141, n. 1/2021, Intellettuali e politica negli anni dell’avvento del Fascismo. In occasione del centenario della costituzione del Circolo di Cultura (Firenze 1920-1924). A cura di Massimo Tarassi. Editing a cura di Mirco Bianchi

Anno XL, fascicolo 139, n. 3/2020, Paolo Barile a vent’anni dalla scomparsa.

https://rosselli.org/14-18-ottobre-2021-i-quaderni-del…/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

27-29 ottobre 2021

 

1941-2021

L’EUROPA DI IERI PER L’EUROPA DI DOMANI

Le vie dell’unificazione e dell’integrazione europea dalla dimensione locale alla grande storia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

29 ottobre 2021

Inaugurazione della mostra Sacharov. I diritti umani nel cuore dell’Europa.

Venerdì 29 ottobre 2021, ore 11, Biblioteca nazionale centrale di Roma, Sala Macchia. Viale Castro Pretorio 105

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

11 novembre 2021

 

Laura Barile

Trasposizioni: i due mestieri di Amelia Rosselli

 

 

 

3-4 dicembre 2021

 

3-4 dicembre 2021

Institut français, Piazza Ognissanti, 2, 50123, Firenze

“I SOCIALISTI FRANCESI E ITALIANI NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA”

Il convegno è stato realizzato grazie al contributo concesso dall’Institut François-Mitterrand e dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della cultura

Organizzazione: Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, Association Italiques

con il sostegno del Comitato franco-italiano di studi storici

Programma

Mattina del 3 dicembre

Ore 9: Accoglienza dei partecipanti e del pubblico

Ore 9,30: Saluti

Manon Hanseman, Direttrice de l’Institut Français di Firenze

Eugenio Giani, Presidente Regione Toscana

Valdo Spini, Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli

Jean Musitelli, Presidente di Italiques

 

Relazione introduttiva:

Gianfranco Pasquino: «Il mito della Francia nella politica e nelle istituzioni. Sinistra e (semi) presidenzialismo»

Ore 10,30: Prima della presidenza Moderatore: Alessandro Giacone

Judith Bonnin: Le PS mitterrandien et les socialistes italiens (1971-1981)

Andrea Spiri: «Fare come in Francia»: Bettino Craxi e la prospettiva mitterrandiana

Tamara Pelucchini, Bernardo Mennini: “Le Florentin” e il Cortonese

Pierre-Emmanuel Guigo: L’internationale socialiste. Michel Rocard et l’Italie

Pomeriggio del 3 dicembre

Ore 14,30: La prova del potere Moderatore: Ariane Landuyt

Riccardo Brizzi: L’elezione di François Mitterrand vista dall’Italia

Bruna Bagnato: La presidenza Mitterrand e “le visage italien du socialisme”: la Francia e i governi Craxi (1983-1987)

Mathieu Fulla: Les socialistes français et européens face au ‘choc du global’: quelle(s) politique(s) économiques ?»

Ore 16,15: I rapporti bilaterali e la questione comunista Moderatore: Fulvio Conti

Stefano Caretti: La visita di Sandro Pertini in Francia (1982)

Samuele Sottoriva: Il ruolo di Gilles Martinet nelle relazioni tra socialisti francesi e italiani

Marc Lazar: Les socialistes français et italiens et la question communiste

Sante Cruciani: La CGIL di Bruno Trentin e il socialismo francese

Federico Lucarini: Poter capire, voler spiegare Berlinguer, Marchais e l’eurocomunismo

Ore 18,30: Consegna del Premio Italiques 2021

Mattina del 4 dicembre

Ore 9: Accoglienza dei partecipanti e del pubblico

Ore 9,30 – 11,15: Politica estera e politica europea Moderatore: Patrizia Dogliani

Jean-Marie Palayret: François Mitterrand et la politique européenne du gouvernement Craxi

Antonio Varsori: Il contributo dei socialisti italiani e francesi da Milano a Maastricht

Valentine Lomellini: Mitterrand, Craxi e Berlinguer: le impossibili intese sulla difesa del Dissenso

Ore 11,30 – 13: Tavola Rotonda “Grands Témoins” Moderatore: Jean Musitelli

Giorgio Benvenuto

Elisabeth Guigou

Marcelle Padovani

Giuseppe Scanni

Valdo Spini

 

 

Video Convegno

 

3 dicembre Mattina – Convegno I SOCIALISTI FRANCESI E ITALIANI NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA https://www.youtube.com/watch?v=AdVUTc4Qa5Y

 

3 dicembre Pomeriggio 14.30 -Convegno I SOCIALISTI FRANCESI E ITALIANI NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA  https://www.youtube.com/watch?v=Cmx7X5br3RQ

 

3 dicembre Pomeriggio 16.30 -Convegno I SOCIALISTI FRANCESI E ITALIANI NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA https://www.youtube.com/watch?v=vmYxeE6OzII

 

4 dicembre Mattina 9.30 -Convegno I SOCIALISTI FRANCESI E ITALIANI NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA  https://www.youtube.com/watch?v=NkhOXvYjsWc

 

4 dicembre Mattina 11.30 – Convegno I SOCIALISTI FRANCESI E ITALIANI NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA  https://www.youtube.com/watch?v=ToHc8Icq2ow

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 dicembre 2021

Domenica 5 dicembre, ore 11

cinema Stensen

Viale Don Minzoni 25c – 50129 Firenze

proiezione del film “Lussu”

7 dicembre 2021

 

Nell’ambito delle diverse iniziative che, in vista del 2023, il COMITATO NAZIONALE PER LA CELEBRAZIONE DEL 150° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI GAETANO SALVEMINI (pres. prof. M.L. Salvadori) intende promuovere, rientrano i CANTIERI SALVEMINIANI. Si tratta di un ciclo di tre/quattro incontri seminariali dedicati alla figura e all’opera di Gaetano Salvemini.

Il primo si terrà il prossimo martedì 7 dicembre 2021 a Firenze e sarà dedicato a “Salvemini storico”. Oltre a Luca Milani, Presidente del Consiglio comunale di Firenze, e al Prof. Renato Camurri (Università di Verona), che introdurrà il tema, vi prenderanno parte:

– il prof. Marino Zabbia (Università di Torino) che terrà una relazione su “Magnati e popolani in Firenze”;

– la prof.sa Cristina Cassina (Università di Pisa) che terrà una relazione su “La rivoluzione francese”;

– il dott. Mirko Grasso (Fondazione Ernesto Rossi e Gaetano Salvemini di Firenze) che terrà una relazione su “Mussolini diplomatico”.

Prenderanno infine parola, in qualità di discussant, il prof. Mauro Moretti e il prof. Gian Maria Varanini.

Istituto Salvemini, Fondazione Circolo Rosselli (Spazio QCR), Fondazione Ernesto Rossi e Gaetano Salvemini, Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea, Comune di Firenze

13 dicembre 2021

Le culture politiche nell’Italia contemporanea

Discussione a partire dal libro di Vannino Chiti “ Il destino di un’idea e il futuro della sinistra.

Pci e cattolici, una radice delle diversità”

 

Lunedì 13 dicembre 2021, Ore 17

Teatro di Colonnata, Unione Operaia

Piazza Rapisardi, 6, Sesto Fiorentino

 

Interventi:

Vannino Chiti, Autore del libro, già Ministro della repubblica

Valdo Spini, Presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, già Ministro della Repubblica

 

Saluti istituzionali

Lorenzo Falchi, Sindaco di Sesto Fiorentino

 

Introduce

Matteo Boldrini, Dottorando dell’Università degli Studi di Firenze

 

14 dicembre 2021

Video: https://www.youtube.com/watch?v=bYH4dIp95wo

 

“QUADERNI DEL CIRCOLO ROSSELLI” (Pacini Editore)

 

SCHEDA DESCRITTIVA QUADERNO DEL CIRCOLO ROSSELLI N. 1/2021

 

Il primo numero del 2021 dei Quaderni del Circolo Rosselli, pubblica gli Atti del Convegno tenutosi online il 4 dicembre 2020. Nella ricorrenza del centenario della costituzione del Circolo di Cultura. Titolo del fascicolo “Intellettuali e politica negli anni dell’avvento del fascismo” a cura di Massimo Tarassi. Un numero particolarmente ricco, di ben 225 pagine, realizzato grazie al contributo della Direzione generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

L’idea originale del Convegno e quindi degli atti pubblicati in questo QCR, è quella di ricordare l’esperienza del Circolo e le figure dei suoi soci e fondatori, a cominciare da Carlo e Nello Rosselli, Piero Calamandrei, Ernesto Rossi.

Completa il primo numero del 2021, la sezione Storia e Memoria, con contributi di Eugenio Bonanno, Valerio Marinelli, Giulio Talini e la presentazione del libro “1921 – Cronaca di una scissione”. A conclusione la rubrica Arrivati in Redazione, libri segnalati da Antonio Comerci.

Indice

Anno XLI, [n. 141], fascicolo 141, n. 1/2021

Intellettuali e politica negli anni dell’avvento del Fascismo. In occasione del centenario della costituzione del Circolo di Cultura (Firenze 1920-1924). A cura di Massimo Tarassi. Editing a cura di Mirco Bianchi

 

Saluti

 

Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana, p. 5

 

Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura del Comune di Firenze, p. 7

 

IL QUADRO GENERALE

 

Valdo Spini, Introduzione, p. 11

 

Roberto Bianchi, Una città al bivio. Firenze, 1920-1921, p. 15

 

Michele Mioni, Il Circolo di Cultura, Carlo Rosselli e il laburismo negli Anni’20. Frammenti di una storia transnazionale, p. 29

 

Isabelle Richet, Marion Cave Rosselli e il Circolo di Cultura: l’incontro con l’antifascismo fiorentino, p. 39

 

Giulio Talini, Uno storico nel Circolo di Cultura. Il giovane Nello Rosselli tra storiografia militante e antifascismo (1920-1927), p. 47

 

Stefano Caretti, Pertini e Rosselli, p. 65

 

Giovanna Amato, Amelia Pincherle Rosselli, p. 69

 

I SOCI DEL CIRCOLO DI CULTURA

 

Mimmo Franzinelli, Ernesto Rossi, p. 75

 

Marco Dardi, Alberto Bertolino e il Circolo di cultura, 1920-1924, p.  79

 

Marino Biondi, Piero Jahier. La parola difficile, p. 87

 

Giuliano Pinto, Ernesto Sestan e il Circolo di cultura (1922-1924), p. 103

 

Giovanna Procacci, Ugo Procacci, p.109

 

Sandro Rogari, Arrigo Serpieri, p. 127

 

Silvia Calamandrei, Piero Calamandrei e il Circolo di cultura nel primo e nel secondo dopoguerra, p. 131

 

Massimo Tarassi, Nello Niccoli, p. 137

 

MEMORIE

 

Le conferenze del Circolo di Cultura (1923-1924), p.145

 

Carlo Francovich, Il Circolo di Cultura ultima espressione di vita democratica a Firenze, p.149

 

Testimonianze, N. Niccoli, A. Bertolino, E. Sestan, G. Piccardi, U. Procacci, p. 157

 

STORIA E MEMORIA

 

Eugenio Bonanno, Quale Welfare nel post Covid 19?, p. 169

 

Antonio Comerci, Il Congresso minuto per minuto. Nel libro 1921 Resoconto di una scissione,

non solo i lavori e gli interventi, ma molto di più!, p. 173

 

Valerio Marinelli, Il Partito comunista italiano di fronte alla crisi del blocco sovietico e alla caduta

del Muro di Berlino, p. 179

 

Giulio Talini, Domare il Principe Machiavelli, Federico Chabod e l’Italia degli anni’ 20, p. 205

 

Arrivati in redazione, A cura di Antonio Comerci, p. 217

 

 

 

SCHEDA DESCRITTIVA QUADERNO DEL CIRCOLO ROSSELLI N. 2/2021

 

“La situazione sociale del Paese” è il titolo generale dei quattro incontri svolti on line, sul Rapporto del Censis per il 2020, organizzato dalla Fondazione Circolo Rosselli insieme al Censis, dal 29 gennaio al 18 febbraio 2021. Sono riportati gli atti dei quattro incontri, a cura di Claudio Paravati. La presentazione degli atti è di Valdo Spini presidente della Fondazione Circolo Rosselli e Giuseppe De Rita presidente del Censis.

L’argomento della prima parte è sull’impatto dell’epidemia da Covid sulla società italiana vede i contributi di Massimiliano Valerii, Direttore generale Censis, Emanuele Vannucci economista dell’Università di Pisa e il saluto all’iniziativa di Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana.

La seconda parte tratta le reazioni degli italiani alla pandemia, mentre la terza le misure di ristoro e le loro conseguenze economiche; la quarta parte, infine, su quello che resterà dopo lo stato d’eccezione e che cosa aspettarsi nel nuovo anno.

Anche in questo numero dei Quaderni la sezione Storia e Memoria, con articoli su Giustizia e Libertà (Iacopo Smeriglio), su Andrej Sacharov e il centenario dell’uccisione di Carlo Cammeo, entrambi del direttore Valdo Spini. Quindi la rubrica di libri Arrivati in redazione di Antonio Comerci.

Il documento AICI per il Piano nazionale di ripresa e resilienza completa un numero particolarmente ricco, con 200 pagine e oltre 20 interventi di esperti competenti e prestigiosi.

 

Indice

Anno XLI, [n. 142], fascicolo 142, n. 2/2021

Prima e dopo la pandemia. Quattro Webinar Censis-Rosselli. A cura di Claudio Paravati

 

Atti dei Webinar su “La situazione sociale del Paese” del 28 gennaio 2021, 4 febbraio 2021, 11 febbraio 2021 e 18 febbraio 2021. Quattro incontri sul Rapporto 2020 del Censis a cura della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e del Censis

 

Valdo Spini, Presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, Introduzione, Dalla “ruota quadrata che non gira” al Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza, p. 7

 

Giuseppe De Rita, Presidente Censis, La Società e la Politica, p.  11

 

Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana, Saluto, p.  15

 

PRIMA PARTE – LA RUOTA QUADRATA CHE NON GIRA. L’IMPATTO DELL’EPIDEMIA SULLA SOCIETÀ ITALIANA. IL RE È NUDO: L’AVVITAMENTO DI VULNERABILITÀ STRUTTURALI (SANITÀ, SCUOLA, LAVORO)

 

Massimiliano Valerii, Direttore generale Censis, La segreta paura che ci rende inquieti (a prescindere dal virus), p. 19

 

Emanuele Vannucci, Economista, Università di Pisa e CISA (Centro Interaccademico per le Scienze Attuariali e la Gestione dei Rischi), La ruota quadrata che non gira(va), p. 25

 

 

SECONDA PARTE – MEGLIO SUDDITI CHE MORTI. LE REAZIONI DEGLI ITALIANI NELL’ANNO DELLA PAURA NERA: TENSIONI SECURITARIE E ADATTAMENTO; I GARANTITI E I NON GARANTITI

 

Giorgia Giovannetti, Economista, Università di Firenze; Elena Romanin, Economista, Fondazione Masi, La pandemia e gli italiani: discussione del Rapporto Censis sulla situazione sociale del paese 2020, p. 43                                                                                                            

 

Francesco Maietta, Responsabile Area Politiche sociali Censis, L’anno della paura nera, p. 49

 

Gianni Massa, Ingegnere, Vice Presidente Consiglio Nazionale Ingegneri, Ri-strutturare, p. 53          

 

Michael Musetti, Coordinatore Under35 AICI, Appello per un ripensamento delle politiche attive del lavoro, p. 69

 

Sergio Paparo, Componente dell’Organismo Congressuale Forense, Difendere la Giurisdizione, p. 75

 

Giulia Piccioni, Segretaria nazionale de I Pettirossi, Il futuro sospeso dei giovani, p. 81

 

TERZA PARTE – NELL’ANNO DELLA BONUS ECONOMY. LE MISURE DI RISTORO E LE LORO CONSEGUENZE; LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI; IL MERCATO IMMOBILIARE E LA CRISI DELLE AREE CENTRALI DELLE CITTÀ

 

Marco Baldi, Responsabile Area Economia e Territorio Censis, Pregi e difetti del meccanismo dei “sussidi ad personam”, p. 91

 

Antonella Di Bartolo, “Preside di strada”, Istituto Sperone-Pertini di Palermo, Un piano strategico nazionale centrato sull’infanzia e l’adolescenza per creare capacità di futuro, p. 97

 

Federico Gelli, Coordinatore dell’Unità Sanitaria di Crisi per l’emergenza da Sars-Cov19 della Ausl Toscana Centro, L’impatto della pandemia sul sistema sanitario nazionale, p. 103

 

Stefano Grassi, Avvocato, Costituzionalista, Università di Firenze, Crisi o futuro del nostro sistema costituzionale?, p. 109

 

Mariella Zoppi, Professore Emerito, Università di Firenze, La quarantena delle città: aree centrali e pandemia, p. 121

 

Roberto Boschi, Private Banker presso Banca Ifigest Spa, Tornare a crescere dopo la pandemia – Un contesto politico ed economico finalmente favorevole, p. 127

 

QUARTA PARTE – QUELLO CHE RESTERÀ DOPO LO STATO D’ECCEZIONE. CHE COSA ASPETTARSI NEL NUOVO ANNO? VITALITÀ E RESILIENZA NELLA SOCIETÀ ITALIANA

 

Paolo Baratta, Economista, Italia ed Europa, p. 133

 

Roberto Castaldi, Direttore Cesue ed EURACTIV Italia, La resilienza della società italiana e la vitalità della società europea, p. 137

 

Salvatore Rossi, Presidente Telecom Italia, Utilizzare i fondi europei, p. 143

 

Lucilla Spini, (DPhil), Bio-antropologa, Working Group on Gender Equality of the International Union of Biological Sciences (IUBS), Cosa resterà nel percorso di vita degli individui dopo lo stato d’emergenza legato al COVID-19?, p. 147

 

Andrea Puccetti, Imprenditore, Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, Che cosa aspettarsi da questo 2021? Vitalità e resilienza della società italiana., p. 153

 

STORIA E MEMORIA

 

Iacopo Smeriglio, Enrico Mancini: storie familiari intorno alla Giustizia e alla Libertà., p. 165

 

Valdo Spini, Cento anni di Andrej Sacharov, p. 173

 

Valdo Spini, Per il centenario dell’uccisione di Carlo Cammeo, p. 181

 

Arrivati in redazione, A cura di Antonio Comerci, p. 187

 

 

DOCUMENTAZIONE

Documento AICI per PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza), p. 195

 

 

 

SCHEDA DESCRITTIVA QUADERNO DEL CIRCOLO ROSSELLI N. 3/2021

 

«Il raggiungimento degli obiettivi del PNRR e delle riforme ad esso connesse, è tutt’altro che scontato. Sia perché molti aspetti vanno chiariti, sia perché vanno attuati. Se ne devono rendere conto, le forze politiche innanzitutto! Ma, credo che anche nella società civile (ecco il ruolo dei circoli e delle fondazioni) si deve aprire un ampio dibattito» così scrive Valdo Spini, direttore dei QCR, nel presentare in questo numero gli atti della Tavola rotonda “Socialismo Liberale oggi” tenutasi online il 9 giugno 2021 a ottantaquattro anni dall’uccisione dei fratelli Rosselli. Oltre alla Fondazione Circolo Rosselli che l’ha organizzata, hanno aderito all’iniziativa 15 fra associazioni e circoli che si richiamano ai valori del socialismo liberale. Oltre all’introduzione di Valdo Spini, negli atti ci sono gli interventi di Paolo Baratta, Elena Granaglia, Gianfranco Pasquino, Domenico Siniscalco, Lucilla Spini, Rosa Mulè, Stefano Toso e Nadia Urbinati. A completare il quadro degli atti, due interventi di Valdo Spini, il primo sui “Tredici punti per il Socialismo Liberale” e l’altro su “La tesi di laurea di Carlo Rosselli al Cesare Alfieri”, infine l’intervento di Emanuele Bonanno “Dove va la forma partito?”.

Per la sezione Storia e Memoria, su questo numero “Il lavoro degli Istituti culturali durante il lockdown” di Valentina Romeo; Valdo Spini ricorda la strage di Forno (Massa); infine Mariella Zoppi commenta il libro di Rino Capezzuoli, “Sandro Pertini e la città di San Gimignano”.

Completa come di consueto il numero, la rubrica Arrivati in Redazione, di Antonio Comerci con libri su Leonardo Sciascia nel centenario della nascita, Aldo Aniasi e Bettino Craxi; e poi sull’Idea d’Europa, le politiche della sussidiarietà e l’Italia bombardata nella Seconda Guerra Mondiale.

 

Indice

Anno XLI, [n. 143], fascicolo 143, n. 3/2021

Socialismo Liberale oggi.

Atti della Tavola rotonda “Socialismo Liberale oggi” tenutasi online il 9 giugno 2021 in occasione dell’84esimo anniversario dall’ uccisione dei fratelli Rosselli.

Hanno aderito all’iniziativa: Associazione Agorà del Brenta, Associazione Fratelli Rosselli di Stoccolma, Circolo Anpi “Carlo Rosselli” di Siena, Circolo Carlo Rosselli di Cava dei Tirreni, Circolo Carlo Rosselli di Milano, Circolo Culturale Fratelli Rosselli Verona, Circolo Fratelli Rosselli di Roma, Circolo Fratelli Rosselli Valdisieve, Circolo Giustizia e Libertà di Roma, Circolo “G. E. Modigliani” di Livorno, Circolo Riccardo Lombardi di Ancona, Circolo Rosselli del Veneto, Circolo Rosselli RisorgiMenti di Cagliari, Fondazione Critica Liberale Roma, Fondazione Salvemini di Torino.

Valdo Spini, Presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, Introduzione, p. 5

Paolo Baratta, Economista, Pubblico e privato, p. 11

Elena Granaglia, Professore ordinario di Scienza delle Finanze presso l’Università di Roma Tre, Socialismo liberale e giustizia sociale, p. 17

Gianfranco Pasquino, Professore Emerito di Scienza politica, presso l’Università di Bologna e accademico dei Lincei, Potere degli elettori e rappresentanza politica: da Bobbio a Sartori, p. 21

Domenico Siniscalco, Presidente Fondazione Einaudi Torino e Vice Presidente Morgan Stanley, Il Pnrr dei cittadini, p. 29

Lucilla Spini, (DPhil), Bio-antropologa, Working Group on Gender Equality of the International Union of Biological Sciences (IUBS)Interfaccia salute/ambiente: verso una giustizia sociale per tutti, p. 33

Rosa Mulè, Professoressa associata di Scienza Politica presso l’Università di Bologna; Stefano Toso, Professore ordinario di Scienza delle Finanze presso l’Università di Bologna, La via italiana al reddito minimo, p. 41

Nadia Urbinati, Politologa e Giornalista, Il Socialismo liberale non appartiene al passato, p. 47

Valdo Spini, Tredici punti per il Socialismo Liberale, p. 59

Valdo Spini, La tesi di laurea di Carlo Rosselli al Cesare Alfieri, p. 61

Emanuele Bonanno, Dove va la forma partito?, p. 65

Storia e Memoria

Valentina Romeo, Il lavoro degli Istituti culturali durante il lockdown, p. 79

Valdo Spini, Discorso Commemorativo della strage di Forno (Massa) (14 giugno 2021), p. 93

Mariella Zoppi, Recensione al libro di Rino Capezzuoli, “Sandro Pertini e la città di San Gimignano”. Una piccola storia nella storia di un grande socialista, (Pagnini editore, Firenze, 2021), p. 99

Arrivati in redazione, A cura di Antonio Comerci, p. 101

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCHEDA DESCRITTIVA QUADERNO DEL CIRCOLO ROSSELLI N. 4/2021

 

Indice

 

Anno XLI, [n. 144], fascicolo 144, n. 4/2021

 

Un socialismo possibile. Riccardo Lombardi a 120 anni dalla nascita (1901-2021)

 

Presentazione

Valdo Spini

 

Premessa

Bruno Becchi

 

Lombardi dall’ingresso nel Psi all’esperienza di «Riscossa socialista»

Tommaso Nencioni

 

Lombardi negli anni del superamento della politica unitaria

Bruno Becchi

 

Lombardi negli anni del centro-sinistra

Bruno Becchi

 

Lombardi nei Discorsi parlamentari: una sinistra moderna e consapevole

Valdo Spini

 

Lombardi tra passato e presente

Intervista a Valdo Spini a cura di Marco Benadusi

 

Profilo biografico

Bruno Becchi

 

Orientamenti bibliografici

a cura di Bruno Becchi

Storia e Memoria

 

Lo Zulu Bianco

Lucilla Spini

 

Tutti gli appuntamenti mancati: un ritratto immaginario di Amelia Rosselli

Alice Zanotti

 

Libri arrivati in redazione

di Antonio Comerci

 

 

Attività di ricerca (progetti realizzati e progetti in corso)

 

1) Convegno Internazionale di Parigi per l’Ottantesimo dell’uccisione dei Fratelli Rosselli (1937-2017). Svoltosi Il 6 giugno 2017 presso l’Istituto italiano di cultura, e curato da Alessandro Giacone (Università di Grenoble ) e Eric Vial (Università di Cergy Pontoise) ha visto la partecipazione dei maggiori studiosi dell’argomento , provenienti dalle università di Firenze, Bologna,, Parigi, Zagabria, Paris 8,Paris Diderot, Toulon, Milano Bicocca, Paris-Sorbonne, Clermont Auvergne,  Il Rettore Gilles Pécout ha portato il suo saluto introduttivo. Gli atti sono pubblicati nel “Quaderno del Circolo Rosselli n. 2-3/2017, Carlo e Nello Rosselli nell’80° del loro assassinio, Pacini Editore, Pisa.

Il Convegno è stato corredato da una Mostra con pannelli in francese sempre presso l’istituto Italiano di cultura. (Ulteriori notizie sulle Celebrazioni in Italia e in Francia si trovano a partire da pag. 23 della presente scheda descrittiva).

 

2)  Diretto alle scuole è l’Itinerario Rosselliano – Progetto “Ottantesimo anniversario rosselli: celebrazioni per l’ottantesimo anniversario dell’assassinio dei fratelli Rosselli (Bagnoles de l’Orne, 9 giugno 1937)” finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze (vedere anche gli allegati alla domanda: “Relazione Itinerario Rosselliano”, “Fascicolo Fratelli Rosselli” e “Libretto Fratelli Rosselli di Valdo Spini”). In collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore “Salvemini-Duca d’Aosta” di Firenze.

 

Sintesi del progetto

 

Il progetto, partendo dalla ricognizione a tutto campo di una vicenda storica nazionale tra le più importanti quale quella rappresentata dalle idee e dalle pratiche di Carlo e Nello Rosselli, trascende questa sua dimensione nazionale per porsi su di un terreno compiutamente europeo ed internazionale – si pensi al ruolo giocato dal liberalsocialismo nella definizione dell’agenda federalista europea. Il progetto che qui si presenta si inserisce in un filone storiografico e civile che ha preso a riscoprire le culture politiche dell’Italia del XX secolo a lungo ritenute eretiche o minoritarie ma che tuttavia paiono destinate a riemergere come un fiume carsico. In questo panorama, la storiografia sui Rosselli, pur vivificata da una feconda stagione di ricerche, sconta un deficit di approfondimento. L’opera di ricerca storica sarà accompagnata da quella di digitalizzazione e messa on-line di riviste; dal coinvolgimento degli studenti  delle scuole superiori nel ripensamento dell’esperienza resistenziale tramite la realizzazione di un “itinerario rosselliano” nella Firenze di Nello e Carlo; e dall’organizzazione di un convegno che, a partire dalla riflessione sull’esperienza storica dei Rosselli, rifletta sulle potenzialità di quella esperienza per comprendere aspetti essenziali dell’intera vicenda repubblicana ed i casi nostri di oggi.

Si tratta di un importante momento di collaborazione con la scuola. L’Istituto di Istruzione Superiore “Salvemini-Duca d’Aosta” ha significativamente sede di fronte alla casa dei Rosselli in via Giusti a Firenze, porta il nome di Gaetano Salvemini uno dei fondatori del Circolo di Cultura, vi ha insegnato un altro di questi fondatori, Ernesto Rossi. Agli studenti e ai docenti dell’istituto si deve la realizzazione del Film storico-documentario “Presenti nella storia: la voce dei Fratelli Rosselli” che si può trovare tra i video caricati sul Canale YouTube della Fondazione. Il film è stato scritto e diretto da: A. Potenza e L. Zezza con la collaborazione dei ragazzi dell’Istituto:

https://www.youtube.com/watch?v=EIZeR02yZQw

 

Nel corrente anno scolastico è in corso di realizzazione la seconda parte del progetto “Itinerario Rosselliano”, le cui caratteristiche e finalità sono illustrate qui di seguito:

 

Finalità

 

Competenze:

 

Architettoniche e progettuali: Saper tradurre in manufatto o segno una vicenda privata che ha assunto e tuttora assume valore collettivo. Saper inserire in un contesto pubblico un manufatto o un segno che produca curiosità e conoscenza. Saper far dialogare spazio pubblico e privato attraverso arredi urbani di memoria collettiva. Saper distinguere tra arredo funzionale e decorativo. Saper costruire una storia attraverso manufatti o segni. Saper distinguere all’interno di un contesto urbano i limiti della proprietà privata e pubblica.

Storiche: Saper comprendere il contributo dei Fratelli Rosselli ai fenomeni storici del Novecento, tesi a difendere la democrazia, la libertà dei popoli e la giustizia, sia sul piano Locale che nazionale ed Internazionale.

Saper individuare le radici delle ideologie che si sono contrapposte nel Novecento.

Saper cogliere l’interazione tra biografia e contesto sociale e politico in cui essa si evolve.

Saper cogliere le specificità storiche delle varie regioni ed in particolare della Toscana e della città di Firenze grazie all’esame di vicende legate ad un particolare territorio.

Saper cogliere i caratteri fondamentali di un regime totalitario ed i caratteri specifici di un conflitto sociale e soprattutto politico.

 

Conoscenze:

 

Architettoniche e progettuali: Conoscere diversi modelli ed esempi in Europa per la costruzione di memorie collettive. Conoscere le differenti tipologie di monumenti. Conoscere le regole che gestiscono lo spazio pubblico e privato in un contesto urbano, in particolare in un contesto che è patrimonio UNESCO. Conoscere i diversi materiali e forme con le quali si possono realizzare monumenti narranti. Conoscere i diversi materiali che la tecnologia contemporanea e le scienze dell’architettura permettono di utilizzare oggi.

Storiche: conoscere la vita dei Fratelli Rosselli. Conoscere la Storia d’Europa della prima metà del Novecento. Conoscere la storia di Firenze della prima metà del Novecento. Conoscere il valore simbolico di exempla e gesta. Conoscere come si costruiscono memorie collettive.

 

Abilità:

Architettoniche e progettuali: Ideare un manufatto o un monumento che si possa inserire in un contesto urbano antico. Progettare a mano un monumento o un manufatto. Progettare al computer un monumento o un manufatto. Inserire un monumento o un manufatto in un contesto urbano alla luce di esigenze pubbliche e private. Saper collocare l’arredo in un contesto reale. Tradurre un’esperienza privata in un manufatto o segno di valore simbolico e collettivo.

Storiche: Saper selezionare i fatti, gli eventi, le emozioni più salienti che all’interno della vita dei Fratelli Rosselli possano avere valore di memoria collettiva e pubblica per le generazioni future.

 

Realizzazione

 

Il progetto si realizzerà in 4 fasi.

1) Il Progetto si realizzerà attraverso un concorso di idee su base volontaria all’interno delle due classi sopra menzionate.

L’individuazione da parte del docente esperto di tre, quattro gruppi di persone che concorreranno alla realizzazione di un manufatto o segno da inserirsi all’interno del contesto urbano fiorentino che rimandi alla vicenda biografica dei fratelli Rosselli attraverso cui costruire, potenzialmente, un percorso rosselliano, il quale, a sua volta, possa diventare un percorso ‘ideale’ di memoria collettiva.

 

2) I quattro diversi gruppi faranno sopralluoghi pomeridiani nei luoghi rosselliani della città, produrranno materiale fotografico e faranno ricerche sul web con l’aiuto e sotto la supervisione dei docenti.

Realizzeranno su carta prima e su computer poi il manufatto o segno e svilupperanno il rendering virtuale del suo posizionamento nel contesto reale.

Gli studenti dovranno scegliere i materiali con i quali il manufatto dovrebbe essere costruito, la forma, la dimensione reale che dovrebbe avere ed il preciso contesto nel quale potrebbe essere inserito.

 

3) Presentazione dei progetti attraverso power point o tramite altri software e applicazioni

 

4) Una commissione giudicherà il progetto migliore e conferirà un premio agli studenti vincitori secondo le modalità concordate tra i promotori del progetto, ovvero la “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” di Firenze e la Dirigenza scolastica nella persona del Prof. Luca Stefani.

 

Impegno dei docenti

Prof.ssa Arch. Emilia de Gennaro, docente di “Progettazione e arredo urbano” 45 ore

Prof.ssa Silvia Falagiani, docente di “Lettere e Storia” 15 ore.

Materiali, aule, PC saranno messi a disposizione dalla scuola e dalla Fondazione Circolo Fratelli Rosselli

 

Destinatari del progetto

Fondazione Circolo Fratelli Rosselli

Comunità scientifica

Scuole medie superiori e inferiori dell’area fiorentina

Coinvolgimento degli alunni nella costruzione di un itinerario rosselliano in città

Altri circoli Rosselli della Toscana e dell’Italia

Attività di coordinamento dell’iniziativa Fondazioni culturali e biblioteche dell’area fiorentina

 

La Fondazione Circolo Fratelli Rosselli in occasione dell’Ottantesimo anniversario della morte dei Fratelli Rosselli, ha realizzato una mostra sulla vita e le opere dei Fratelli Rosselli come occasione di incontro e di riflessione sul significato del loro pensiero e della loro azione civile e democratica.

La mostra è stata già allestita in varie città d’Italia. Nel 2019 in particolare è stata esposta a Firenze, La Spezia, Cagliari, Viareggio, Lucca e Barga e mentre altre ne sono programmate a Bari, Pisa e Benevento. Un rilevante sforzo organizzativo che sta coinvolgendo in modo particolare le scuole.

La mostra è costituita da 21 pannelli formato 70 x 100 centimetri, da appendere o appoggiare al suolo. https://rosselli.org/mostra-fotografica-e-storia-dei-fratelli-rosselli-a-cura-di-vanessa-stella/

 

3) Collaborazione di ricerca tra la “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” e ASTRID

 

La Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, presieduta da Valdo Spini, e la Fondazione Astrid, presieduta da Franco Bassanini, hanno siglato un accordo per una collaborazione di ricerca sulle misure di contrasto alla povertà nei vari paesi europei, con particolare attenzione ai temi del reddito di cittadinanza, delle politiche attive del lavoro e dell’occupazione giovanile nel nuovo panorama sociale.

 

 “Nuove (e vecchie) povertà: quale risposta? Reddito d’inclusione, reddito di cittadinanza, e oltre” (Il Mulino, Bologna 2018) a cura della Fondazione Astrid e della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli.  Il volume è frutto delle ricerche condotte dalla “Fondazione Astrid” e della “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli”, con prefazione di Franco Bassanini e Valdo Spini e introduzione di Tiziano Treu, pubblica i risultati di una ricerca delle due Fondazioni iniziata nel 2017 e contiene una rassegna delle principali forme di contrasto alla povertà nei paesi europei ed oltre.

 

È senz’altro utile conoscere cosa è avvenuto per il “Reddito di cittadinanza” negli altri paesi europei (e non solo) nonché quello che era stato fatto in precedenza nel nostro paese.

È quanto si è proposta di fare la ricerca condotta insieme dalla Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, presieduta da Valdo Spini e dalla Fondazione Astrid presieduta da Franco Bassanini. Per l’occasione, la Fondazione Circolo Fratelli Rosselli ha conferito contributi al Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa (Disei) dell’Università di Firenze e al CISA (Centro Interaccademico per le Scienze Attuariali e di Gestione dei rischi) per l’attivazione rispettivamente di due e una borsa di studio sull’argomento. Ne è scaturito il volume, “Nuove (e vecchie) povertà: quale risposta? Reddito di inclusione, reddito di cittadinanza e oltre”. (Bologna, Il Mulino 2018, pagg. 302).

La Francia e la Germania sono state studiate da Andrea Ciarini, la Spagna da Alessandro Carli, Lorenzo Corsini, Lapo Filistrucchi, Giorgia Giovannetti e Elena Monticelli, i paesi scandinavi da Paolo Borioni, la Gran Bretagna da Gianluca Busilacchi, il Canada ancora da Alessandro Carli, Lorenzo Corsini, Lapo Filistrucchi, Giorgia Giovannetti e Elena Monticelli.

All’Italia è dedicata tutta la parte III del volume. Stefano Toso procede ad una “Ricostruzione Storico- Analitica “, Emilio Reyneri scrive sui “Centri pubblici per l’impiego”, mentre gli “Aspetti economici” sono indagati da Alessandro Carli, Lorenzo Corsini, Lapo Filistrucchi, Giorgia Giovannetti e Elena Monticelli.

Le ricerche in questione sono inserite in un “Quadro generale” le cui “Premesse generali e nodi critici”, sono dovute a Elena Granaglia, l’analisi delle “Guidelines europee” è opera di Stefano Ronchi e Andrea Terlizzi, mentre Augusto Bellieri dei Belliera, Marcello Galeotti ed Emanuele Vannucci del CISA (Centro Interaccademico di Scienze Attuariali e la Gestione dei rischi) nella loro “Analisi dei profili di rischio e possibilità di reinserimento” presentano la proposta del RESI: reddito di sostegno e di incentivazione.

Completano il volume la “Prefazione” dei presidenti delle due Fondazioni, Franco Bassanini e Valdo Spini, e l’Introduzione di Tiziano Treu, mentre Andrea Ciarini ed Emanuele Vannucci nella loro “Appendice” presentano un “Approfondimento comparato sui casi nazionali”.

Da un lato la ricerca mette in luce come forme di sostegno al reddito siano largamente diffuse in Europa, dall’altro come queste possano funzionare meglio o peggio in rapporto al quadro generale dei provvedimenti di politica economica in cui si inseriscono

 

Per ulteriori approfondimenti: https://rosselli.org/reddito-dinclusione-e-reddito-di-cittadinanza-cosa-succede-nel-resto-deuropa-e-in-canada/

 

 

4) “Preludio alla Costituente” (Castelvecchi, Roma, 2018), a cura di Alberto Aghemo, Giuseppe Amari e Blando Palmieri. Prefazione di Valdo Spini, Postfazione di Giuliano Amato.

Il volume è frutto di una collaborazione tra la “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” con: la “Fondazione Matteotti”, la “Fondazione Di Vittorio” e il “Circolo Rosselli” di Roma

 

Progetto editoriale e di formazione patrocinato dall’AICI – Associazione delle Istituzioni di Cultura Italiane – Presidente: Valdo Spini

Il volume che si presenta, con prefazione di Valdo Spini e postfazione di Giuliano Amato, colma una vera e propria lacuna storiografica nell’analisi comparata di una serie di importanti figure che hanno concorso a dare identità ai filoni ideali e culturali che agirono poi nella Costituente. Il volume si propone come un’opera scientifica e al contempo divulgativa, rivolta prevalentemente ai giovani, su alcune significative personalità, note e meno note, della stagione germinale del processo storico e ideale che ha portato alla realizzazione della Costituzione italiana.

Combatterono in difesa della dignità e della indipendenza del Paese, con una visione del federalismo europeo e cosmopolita; per la fratellanza dei popoli, nella dignità della persona e nella pace fondata sulla giustizia.

Mentre si deve molto alla loro eredità intellettuale e morale e al loro sacrificio lo spirito unitario antifascista che animò la Costituente, la loro perdita peserà in modo grave nel secondo dopoguerra.

Il volume – al quale è stato unito un DVD con materiale multimediale (documentari, brevi filmati, documenti digitalizzati) – si configura pertanto come uno strumento didattico antologico per le nuove generazioni, finalizzato a favorire la crescita culturale della cittadinanza attiva, nella conoscenza e nel rispetto delle istituzioni democratiche.

 

Il progetto e le sue finalità

Nella bella commemorazione di Antonio Gramsci che Luigi Russo fece alla Scuola Normale Superiore di Pisa il 27 aprile 1947, in occasione del decimo anniversario della morte del dirigente comunista, il grande italianista lamentava come la sua generazione di cinquanta-sessantenni fosse stata una generazione tormentata e mutilata quale altra mai. Falcidiata dalla Prima guerra mondiale e poi resa <più sottile… o captata e svuotata dalla corruzione di un regime dispotico, o vessata e stroncata e dispersa dalle carceri, dall’esilio, dalle malattie e dalle morti; sicché la sorte di essa, assai grave, pesa non soltanto su noi che ne fummo per ragioni cronologiche partecipi, ma su tutta la vita intellettuale e politica del nostro paese>  [La commemorazione in Antonio Gramsci, Lettere dal carcere, Prefazione di Luigi Russo, Editori Riuniti, Roma, 1961].

E ricordava tra le perdite: Giovanni Amendola, Piero Gobetti, Carlo e Nello Rosselli, Leone Ginzburg, Antonio Gramsci, Guido Dorso, Eugenio Colorni. Non dimenticando i più giovani Giaime Pintor e Pilo Albertelli. A cui vanno aggiunti almeno Cesare Battisti, per la Prima guerra mondiale; Giacomo Matteotti, Bruno Buozzi, don Giovanni Minzoni e don Giuseppe Morosini per il periodo successivo.

Mentre si deve molto alla loro eredità intellettuale e morale e al loro sacrificio lo spirito unitario antifascista che animò la Costituente, la loro perdita peserà in modo grave, come affermò Russo, nel secondo dopoguerra.

Peserà sulla identità e maturazione critica ed autocritica dei partiti usciti dal fascismo. Peserà quando, dopo la sconfitta del fronte popolare e con la divisione dei blocchi a livello internazionale, il congelamento di ciascun partito al suo interno, interruppe quel fruttuoso dialogo ed incontro tra le tre principale correnti ideologiche del Novecento, il cui riuscito compromesso, sottolineato tra gli altri da Norberto Bobbio e Piero Calamandrei, fu alla base della nostra Costituzione e del suo programma di democrazia progressiva; nati dalla Resistenza e anche dalla tragedia umanitaria dei 60 milioni di morti, come volle ricordare Giuseppe Dossetti [I valori della Costituzione italiana, in  <Archivio giuridico> , vol. CCXV, Fascicolo 1- 1995, Mucchi Editore, pp. 3-21].

Un congelamento che la loro presenza avrebbe forse impedito o attenuato, facilitando quel discorso interrotto, forse mai ripreso seriamente, e che andrebbe invece rilanciato e rivalutato nelle nuove condizioni del tempo presente.

Ricordare insieme quelle personalità, con almeno uno scritto significativo, per ciascuno, è anche il modo migliore per riproporre quei valori ripartendo dalle autorevoli fonti originarie.

Un lavoro del genere, innanzitutto dedicato all’informazione e alla formazione dei giovani, potrebbe anche configurarsi come uno strumento didattico antologico per le nuove generazioni, finalizzato a favorire la crescita culturale della cittadinanza attiva, con i rispettivi diritti e doveri, nella conoscenza e nel rispetto delle istituzioni democratiche.

La cooperazione di più fondazioni e associazioni che a tali personalità elettivamente si richiamano sarebbe già di per sé un precipuo segno per la necessaria ripresa dello spirito costituente e dell’unità democratica antifascista.

 

5) Progetto Père Lachaise

 

La “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” partecipa al Progetto Père Lachaise.

Il Consolato Generale d’Italia a Parigi, retto dal ministro Emilia Gatto, ha lanciato il Progetto: “Histoires extraordinaires. Vue immortelles des Italiens de France et des Français d’Italie du Père Lachaise” con il sostegno e la partecipazione del Comites di Parigi

Il progetto si propone di illustrare le vite straordinarie di 58 personaggi illustri che riposano al cimitero parigino del Père Lachaise. Tra essi anche i fratelli Carlo e Nello Rosselli che vi ebbero la loro prima tomba prima di essere traslati nel cimitero di Trespiano a Firenze.

Il progetto ha soprattutto permesso di stilare un repertorio inedito comprendente più 60 personalità che svolsero un ruolo significativo nella storia politica, culturale, artistica ed economica d’Italia e di Francia dalla fine del Settecento fino ai giorni nostri.

Promossa dal Comites (Comitato degli italiani eletti all’estero) in sinergia con il Consolato Generale d’Italia a Parigi e sostenuta dalla Direzione generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie della Farnesina, questa iniziativa è riuscita in poco tempo a coinvolgere più di 120 autori volontari, rappresentativi della comunità italiana che vive a Parigi e del mondo culturale e istituzionale italiano e francese.

È stato pubblicato il Volume «L’ Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie» (Skira, Torino, 2020) a cura di Costanza Stefanori. Nel libro vi sono tre scritti sui Rosselli; Valdo Spini ha fatto un inquadramento generale sui fratelli Rosselli, mentre

Diego Dilettoso ha trattato la figura di Carlo, infine Simone Visciola ha scritto un contributo sulla figura di Nello.

 

 

Accordi e collaborazioni con altri enti e istituzioni pubbliche nazionali, internazionali ed altro

 

La “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” a livello nazionale fa parte delle seguenti associazioni:

 

– AICI (Associazione delle Istituzioni di Cultura Italiane) – L’AICI è stata costituita nel 1992 da un gruppo di associazioni, fondazioni e istituti culturali di grande prestigio e consolidata attività. I suoi Soci, distribuiti sul territorio nazionale, svolgono attività di ricerca, conservazione e promozione nei più diversi ambiti della produzione culturale.

La missione istituzionale dell’AICI, svolta attraverso gli organi associativi, è quella di “tutelare e valorizzare la funzione delle Istituzioni di cultura, nelle quali la Costituzione della Repubblica riconosce una componente essenziale della comunità nazionale” (art. 2 dello Statuto). I principali obiettivi dell’Associazione sono: offrire ai Soci servizi di informazione e consulenza su questioni di interesse comune; promuovere la conoscenza degli Istituti, delle loro attività, delle loro risorse culturali, dei servizi che essi offrono e valorizzarne i patrimoni culturali; sostenere l’innovazione nelle strutture gestionali e nei modelli organizzativi, favorendo l’adozione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e la condivisione di metodologie e standard descrittivi di fondi archivistici e raccolte bibliografiche, audiovisive e museali; curare le relazioni con le istituzioni dello Stato; istituire un raccordo organico con il sistema universitario nello sviluppo di attività di ricerca e formazione; rafforzare la dimensione europea e internazionale della cooperazione culturale; rendere più obiettivi e trasparenti i criteri di erogazione e i controlli di efficacia della spesa pubblica a favore degli Istituti.

Un significativo riconoscimento del contributo dato dalla “Fondazione Circolo Fratelli Rosselli” è venuto dall’elezione del suo Presidente, Valdo Spini alla presidenza dell’Aici.

Sito AICI: http://aici.it/

 

– CRIC (Coordinamento Riviste Italiane di Cultura) – I Quaderni del Circolo Rosselli partecipano CRIC è     l’espressione di riviste culturali che animano il dibattito delle idee, in ogni campo del pensiero e della creatività. Le riviste aderenti si caratterizzano perché operano nel mercato al di fuori di ogni dipendenza accademica, per il taglio interdisciplinare dei contenuti e per la dimensione nazionale, europea e internazionale del loro apporto alla promozione della cultura. L’Associazione – fondata nel 2003 – si propone di valorizzarne il ruolo e di realizzare iniziative che favoriscano la loro diffusione.

 

Sito CRIC:  http://www.cric-rivisteculturali.it/

 

 

Parigi – Ogni anno, i “Quaderni del Circolo Rosselli” partecipano al Salon de la Revue di Parigi, nello stand del Coordinamento delle riviste italiane di cultura (CRIC) e ai relativi eventi collaterali.

 

Istituto Universitario Europeo di Fiesole-Firenze. La Fondazione Circolo Fratelli Rosselli ha partecipato sui “side events” a varie edizioni dello “State of Union”, uno dei quali dedicato alla Difesa Europea.

 

Periodici (titolo e periodicità):

 

1)    I “Quaderni del Circolo Rosselli” (QCR) (Pacini Editore, Pisa) sono una collana di fascicoli con cadenza trimestrale, a carattere monotematico e molto qualificati, iniziata nel 1981. Rappresentano uno strumento prezioso di diffusione dei temi di dibattito propri della Fondazione e del Circolo di Cultura Politica Fratelli Rosselli. Gli argomenti trattati spaziano dai temi storici della politica nazionale ed estera – con particolare riguardo al socialismo, al laburismo e al liberalsocialismo – alle riforme istituzionali, ai problemi della formazione professionale e dell’occupazione, alle iniziative legislative per la riconversione industriale, l’innovazione tecnologica e la piccola impresa, al progresso della ricerca scientifica e dell’università, alle prospettive del federalismo e della costruzione dell’unità europea, alle questioni generali della diffusione e promozione della cultura.

 

Direttore
Valdo Spini

 

Comitato scientifico
Paolo Bagnoli, Marina Calloni, Enzo Cheli, Giovanni Cherubini, Tommaso Codignola, Vittorio Emiliani, Giorgia Giovannetti, Ariane Landuyt, Piero Manetti, Francesco Margiotta Broglio, Leonardo Morlino, Gianfranco Pasquino, Giuseppe Pericu, Sandro Petretto, Gaspare Polizzi, Riccardo Pratesi, Sandro Rogari, Nadia Urbinati, Mariella Zoppi

 

Redazione
Paola Barile, Tommaso Codignola, Alessandro Guadagni, Tommaso Nencioni, Umberto Pascucci

 

Associato all’Unione Stampatori Periodici Italiani

 

 

 

 

 

 

 

Il Vice-Presidente e Rappresentante Legale

Paolo Golini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui