Italiani per forza

0
133

ARRIVATO IN REDAZIONE

A cura di Antonio Comerci

Italiani per forza

Il libro non ha solo lo scopo di ricordare la tragica vicenda delle foibe del 1943 e del 1945 nella Venezia Giulia e l’esodo di massa soprattutto dall’Istria e dalla Dalmazia nel dopoguerra – la Legge 30 marzo 2004 n. 92, ha istituito per il 10 febbraio Giorno del ricordo -, ma anche i tragici fatti accaduti in quelle regioni, dopo l’annessione successiva alla Grande Guerra. Si vuole, insomma, riportare alla memoria l’italianizzazione forzata della popolazione di lingua slovena e croata, con il tentativo del regime fascista di cancellarne cultura e tradizioni. Due decenni drammatici per la popolazione locale di lingua non italiana, che possono spiegare almeno in parte, senza però giustificare, quanto è accaduto. In Appendice è stato inserito un approfondimento sull’analoga italianizzazione della popolazione tirolese in Alto Adige.

Nato nel 1949 a Roma, così scrive di sé Giorgio Giannini: «Nella mia vita ho fatto varie cose oltre al professore. Sono stato obiettore di coscienza al servizio militare e per 15 anni consigliere nel municipio 13 (prima circoscrizione 18) di Roma. Ho scritto 12 libri e circa 200 articoli pubblicati su riviste cartacee e on line. Sono tuttora impegnato nella pace come presidente di un’associazione pacifista e nonviolenta, il Centro studi difesa civile (Csdc)».

 

Giorgio Giannini “La tragedia del confine orientale” LuoghiInteriori Edizioni, Città di Castello (PG) 2019

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui